Argenti d'Arte
Articoli d'Argento di Emilio Marchesini
Articoli d'Argento di Emilio Marchesini Articoli d'Argento di Emilio Marchesini  
HOME  |  ARTICOLI  |  CURIOSITÀ  |  CONSIGLI  |  CONTATTACI
CONSIGLI

argenteria, articoli da regalo, artigianato artistico, bigiotterie, bomboniere, soprammobili, articoli da scrivania, candelieri, articoli religiosi, oggetti religiosi, cornici, miniature, oggettistica d'arredamento, quadri, articoli promozionali, gadget, oggettistica, promozionali per aziende, produzione articoli argenteria, oggetti d'argento per la casa, articoli da regalo in argento, oggettistica per scrittoio, oggettistica da regalo in argento, candelabri in argento, articoli natalizi, argento puro, articoli di argenteria fatti a mano, complementi d'arredo, articoli in argento, artigianato artistico in argento, argenteria per arredamento, elementi per l'arredo, argenti d'arte, bomboniere in argento, articoli da regalo per la casa, la tavola, l'ufficio, bomboniere per le nascite, i matrimoni, classici, moderni, argento sbalzato, argenteria eseguita a mano, immagini sacre in argento, portacandele, regalistica aziendale, quadri in bassorilievo sacri e paesaggistici, fantasia, argento di produzione italiana, accessori da tavolo, oggetti in stile, nozze, posateria, articoli regalo, liste nozze

L'Argento é un metallo, simbolo Ag, numero atomico 47. Il termine Argento deriva dal greco 'Arges che significa candido, splendente, lucente, eppure questo "figlio della luce" non disdegna l'amicizia con un elemento diabolico: lo zolfo. Tanto ne é attratto che bastano minime tracce di prodotti solforati nell'aria perché si formi un sottile e antiestetico strato brunastro su di esso. In natura, l'Argento si può trovare sia Nativo sia unito a oro, rame, mercurio e piombo: considerando inoltre che esistono minerali contenenti percentuali ad es. di piombo (uno dei principali é la Galena), é quindi possibile estrarlo da detti minerali.

Metodi per pulire l'argento

Anche se a parere degli esperti l'argento ossidato ha un fascino imparagonabile, di seguito si danno più consigli per tenere lucida la propria argenteria.

Il consiglio principale è quello di portare i propri oggetti d'argento ad una ditta artigiana, che sicuramente saprà come trattare i vostri gioielli senza rischiare di rovinarli, in particolare la ditta Argenti D'Arte esegue una galvanizzazione a doppio strato con argento puro che garantisce la massima resa.

1) Metodo elettrolitico: sciogliere 20 gr. di sale da cucina ed altrettanti di bicarbonato di sodio in 1200cc. di acqua distillata in un recipiente di alluminio capace di accogliere il campione da trattare che deve essere ricoperto da questa soluzione, la quale può anche essere tiepida per aumentarne l'attività. Se invece l'argento é accompagnato da minerali che sono sensibili al calore, come ad es. la Calcite,, bisogna usarla fredda. Assicurarsi che l'Argento tocchi l'alluminio. Con la soluzione tiepida si vedrà che la patina nera inizia a scomparire in pochi minuti: non appena il campione é pulito lo si tolga da questo bagno per risciacquarlo in acqua tiepida ed infine, se possibile, asciugarlo con un panno.

2) Metodo elettrolitico (altro): in circa 4 litri di acqua distillata porre due cucchiaiate di Soda, una di fosfato Trisodico ed un pizzico di sale da cucina. Si usi una pentola d'alluminio e si proceda come il metodo precedente.

3) Metodo al cianuro: si sciolgano 5 gr. circa di cianuro di potassio o di cianuro di sodio chimicamente puri in 5 litri di acqua distilla to in un contenitore di vetro o di plastica (i recipienti in metallo reagirebbero col cianuro) Si immerga il campione nella soluzione e si controlli l'andamento ogni dieci minuti: potrebbero comunque essere necessarie diverse ore per eliminare le incrostazioni: aumentando la forza della soluzione aumenta anche la sua attività. Attenzione! tutti i cianuri sono estremamente pericolosi, agiscono come veleni a rapida azione per cui bisogna fare assolutamente attenzione o no respirarne i vapori. Hanno il merito di pulire sia l'argento che il rame.

 


Prima, argento ossidato


Dopo il trattamento da parte di Argenti D'Arte
Come conservare l'argento

Il comportamento dell'argento nei confronti delle diverse soluzioni usate per pulirlo varia in modo notevole da campione a campione ed anche tra campioni trovati nella stessa località. Il riformarsi della patina nera è direttamente collegato al posto in cui si pone il campione nella collezione ed al fatto che vi siano nelle immediate vicinanze oggetti od altri minerali capaci di emettere vapori di composti dello zolfo. E' quindi ovvio che bisognerà tenerlo lontano da solfuri vari quali ad es. la Galena, la Pirite, Calcopirite ecc. E'inoltre consigliabile tenerlo in una scatola di plastica con chiusura ad incastro.


Si raccomanda di mettere un piccolo pezzo di canfora nel luogo dove si conserva l'argento, per prevenire la formazione di detta patina, come anche l'uso di lacche o di spray. Una lacca valida può esser confezionata usando il 5% di collodio diluito con il 95% di alcool. E' molto importante che il campione da trattare sia preventivamente il più asciutto possibile.

Argenti d'Arte è un'iniziativa del Maestro Emilio Marchesini - Viale Europa, 178- 90039 Villabate (PA)
info@argentidarte.com - Cell (+39) 338-8914107
© 2007 Tutti i diritti riservati. All rights are reserved.